Difesa fitosanitaria con l’Endoterapia

Difesa fitosanitaria con l’Endoterapia

La difesa fitosanitaria è l’insieme dei trattamenti di disinfestazione su piante di alto e basso fusto volte alla prevenzione e alla cura di malattie crittogamiche (funghi) e parassiti fitofagi.

I trattamenti vengono realizzati mediante irrorazione ad alta e bassa pressione chiamata anche Endoterapia.

Su piante di alto fusto e piante ornamentali si realizzano interventi endoterapici. In pratica vengono effettuate nel tronco delle piante dei piccoli fori e vengono praticate delle iniezioni (tipo flebo) di formulati specifici o fitofarmaci che raggiungono in breve tempo l’apice della pianta colpendo le malattie e i parassiti altrimenti non raggiungibili.

I vantaggi di questo metodo sono molteplici:

  • Nessuna forma di inquinamento ambientale;
  • Nessuna deriva delle soluzioni;
  • Il trattamento viene garantito per oltre 2 anni;
  • Possibilità di intervento anche in zone non raggiungibili con automezzi gommati.

I  trattamenti endoterapici,   possono essere effettuati su tutte le specie alboree. E’ efficace sugli insetti fitofagi e malattie fungine.

Questo trattamento è particolarmente indicato per le aree urbane e in tutti i luoghi dove sono sconsigliati i trattamenti “tradizionali”.

L’endoterapia è particolarmente indicata  per il controllo della Corytuca Ciliata dei platani, per la Processionaria dei pini, contro gli Afidi dei tigli, dei lecci ecc.

Rispettiamo l’ambiente che ci sta intorno

Siamo pronti a supportarti in ogni momento, non esitare a contattarci.

DOMANDE FREQUENTI

Sono tossici i prodotti utilizzati?

I formulati utilizzati sono catalogati come fitofarmaci ad azione sistemica. Il modo di applicazione è assolutamente sicuro per l’ uomo e l’ ambiente.

Quando si effettuano i trattamenti?

I trattamenti vanno effettuati in funzione del ciclo biologico dell’infestante o parassita; è da evitare di intervenire durante la fioritura per non colpire gli insetti impollinatori.

Per quali malattie della pianta è opportuno intervenire?

Il trattamento viene utilizzato per il “Cancro del Cipresso” e per la “Cameraria Oritiella dell’ippocastano”.